Alimentazione cani e gatti: quali differenze ci sono?

Alimentazione cani e gatti: quali differenze ci sono?

Cane e gatto, chi l’ha detto che non si può? Sicuramente possono condividere in armonia lo stesso tetto, ma, certamente, non devono mangiare dalla stessa ciotola! Oggi parliamo delle differenze di alimentazione tra cani e gatti. Quali sono e come preparare ottimi piatti adatti alle diverse esigenze?

Alimentazione cani e gatti: le differenze

La differenza principale dell’alimentazione di cani e gatti è l’apporto nutrizionale di cui hanno bisogno i nostri amici a 4 zampe. Mentre i cani sono onnivori e hanno bisogno di una dieta più variegata, costituita da proteine, fibre e altri elementi, i gatti sono carnivori, quindi la loro alimentazione è ricca di proteine animali. I gatti, inoltre, prediligono i cibi umidi e facilmente masticabili, mentre i cani hanno una dentatura più forte in grado di frantumare anche alimenti più duri: scopri gli alimenti secchi per cani su Tartaruga Sprint!

Differenze alimentari: cosa deve mangiare il cane?

L’alimentazione del cane deve essere molto variegata: il nostro fido ama mangiare e adora ancor di più i piatti ricchi e sfiziosi.
La sua dieta dipende da taglia, razza ed età. Una credenza diffusa ma errata è che il cane possa nutrirsi con i nostri avanzi, le esigenze canine sono diverse da quelle umane e a lungo andare una dieta scorretta o sbilanciata potrebbe incidere sulla sua salute e provocare diarrea, vomiti, dimagrimento e patologie dell’apparato digerente.

Per garantire una crescita forte e sana è necessario acquistare alimenti adatti a lui e dosare le quantità di cibo giornaliere.

Il pasto del cane deve essere composto da diverse sostanze: essendo un animale onnivoro ma tendente al carnivoro dobbiamo riservare un posto importante (ma non esclusivo) alle proteine animali come il pesce e la carne bianca. Queste sostanze forniscono una buona dose di energia di cui il cane ha bisogno per correre, saltare e fortificare i muscoli.

Inoltre, il cane ha bisogno di grassi, fondamentali per creare dei rifornimenti di energia nel suo organismo. Nell’alimentazione del cane non possono mancare le fibre che hanno il compito di facilitare la digestione, in questo caso ti consigliamo di aggiungere farina di mais ai suoi pasti. Infine, non dimenticare Omega 3, minerali e vitamine, elementi ad azione antiossidante e indispensabili per aumentare le difese immunitarie del tuo amico peloso.

Il cane non deve mangiare solo una volta al giorno, costringerlo a lunghi digiuni non può portare nulla di buono. Ti consigliamo di preferire piccoli pasti ma frequenti e di non fargli mai mancare una ciotola di acqua fresca per dissetarsi ogni volta che ne sente l’esigenza.

Differenze di alimentazione: cosa mangia il gatto?

Un gatto sano è un micio che si ciba in modo corretto senza esagerare nelle dosi. Per non sbagliare nell’alimentazione del gatto, devi sapere che le sue esigenze alimentari dipendono dall’età e dal peso. La mamma gatta deve mangiare il quadruplo rispetto ad un gatto normale, mentre un micio sterilizzato deve assumere una minor quantità di cibo durante la giornata. Il fabbisogno giornaliero di un gatto adulto (che pesa intorno ai 4-5 Kg) si aggira intorno alle 200-300 calorie.

Una delle abitudini sbagliate è quella di mettere nella ciotola del gatto una grande quantità di cibo e lasciarla a disposizione per giorni. Questa pratica potrebbe influire negativamente sulla salute del gatto, perché il cibo potrebbe attirare insetti e batteri oppure deteriorarsi, diventando tossico per il micio.

Raccomandiamo di lasciare piccole dosi di cibo nella ciotola e cambiarlo ogni giorno, anche se non è terminato. I croccantini per gatti possono durare più a lungo, ma non sono immortali.

Il gatto è un animale carnivoro, per cui la sua alimentazione è costituita prevalentemente da proteine animali e i cibi preparati in genere hanno dosi alte di Taurina e Arginina, due amminoacidi essenziali che i gatti non riescono a sintetizzare e devono introdurre con la dieta. Largo, quindi, alla carne rossa e bianca, pollo, cavallo e bocconcini di maiale.

Inoltre, i gatti vanno ghiotti per il pesce che, grazie alla presenza di Omega 3, facilita il rigeneramento cellulare e combatte l’ossidazione. Ogni tanto, puoi anche dargli qualche dose di cereali e verdura, che facilitano la transizione intestinale.

Cosa succede se il cane ama mangiare il cibo dei gatti?

I piatti a base di proteine animali sono particolarmente gustosi e appetibili per i cani che amano rubacchiare dalla ciotola del gatto. Una volta ogni tanto, questa pratica può essere ammessa ma non deve diventare abitudine, perché a lungo andare una dieta squilibrata potrebbe rovinare la salute del cane.

Dobbiamo abituare il nostro Fido ad “accontentarsi” della sua alimentazione per evitare problemi ai reni e al fegato.

Ti consigliamo di posizionare il cibo per il gatto in un punto alto, che non può essere raggiunto dal cane. In questo modo, i due amici potranno vivere sotto lo stesso tetto mantenendo abitudini alimentari corrette e ben differenziate.

Related Posts:

Leave a Reply

All fields are required

Type Code

Informazioni

Nuovi prodotti